Sicilia porto d’Africa – pranzo filosofico

SICILIA PORTO D’AFRICA
Migrazioni, schiavitù e alterità

I rapporti tra Sicilia e Africa sono sempre stati tormentati. Separate appena da un lembo di mare, nei secoli hanno intrattenuto fitti rapporti di scambio e di dominazione, di potere e di arricchimento. Oggi questi rapporti hanno assunto tinte drammatiche: un numero sempre crescente di uomini e donne approda sulle coste siciliane in fuga da miseria e disperazione. Dalle nostre parti è facile vedere masse di democratici votanti schierarsi contro l’immigrazione e aderire di fatto a un razzismo di Stato; più complesso è capire cosa accade dall’altra parte del Mediterraneo. Il flusso migratorio, diventato pressoché ingestibile, ha dato vita ad un nuovo tremendo giro d’affari che si consuma ogni giorno sulla pelle di milioni di disperati. Nuove forme di schiavitù e antichi modi di trattare lo straniero – il diverso – si fondono in una delle tragedie più evidenti e tuttavia non viste dei nostri tempi.

Gli immigrati ci stanno invadendo?
La nostra cultura è a rischio?
Perché la libera circolazione di persone è osteggiata?

Con l’aiuto e la testimonianza dei nostri ospiti Giambattista Maria Rosso e Rosa Pascale, l’uno arabista e l’altra psicoterapeuta presso comunità di accoglienza di immigrati in Sicilia, ne discuteremo assieme davanti a un pranzo di ispirazione araba tra querce e olivi.

 

MENÙ A CURA DI GIAMBATTISTA MARIA ROSSO
Hommos di ceci
Fogli di brik con tonno, capperi e patate
Cous cous tunisino con carne e verdure
Meloukhya (zuppa di foglie di corco con verdure)
Biancomangiare (budino alle mandorle)
Tè verde alla menta marocchina
Vino nero d’Avola biologico

Contributo per il pranzo filosofico € 18 a persona

 

DOMENICA 22 APRILE, ore 13-18
nelle campagne di Chiaramonte Gulfi (RG)

 

Per informazioni e prenotazioni
tel. Simona: 3342590193 (anche WhatsApp)
email: info@casafilosofica.it

 

CHI È GIAMBATTISTA MARIA ROSSO
Giambattista Maria Rosso, docente di italiano per il MIUR, insegna lingua e cultura italiana agli stranieri e tiene corsi di lingua araba nella sede del CPIA (Centro per l’Istruzione degli Adulti) di Siracusa. Ha inoltre insegnato in Marocco presso l’Istituto di Cultura Italiana. Tornato in Italia ha prestato servizio in qualità di mediatore culturale in numerose scuole di Ragusa e in diverse strutture e comunità per minori stranieri non accompagnati.

 

COS’È UN PRANZO FILOSOFICO
Ispirato ai simposi greci, il pranzo filosofico è un’esperienza conviviale in cui al buon cibo si mescolano le buone parole. Attorno alla tavola, in un contesto rilassato e amichevole, nascono conversazioni coinvolgenti e stimolanti intuizioni; e una volta tornati a casa avremo la sensazione di non aver riempito solo le nostre pance. Di volta in volta sceglieremo un tema su cui discutere al quale abbineremo un degno menù.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *